Quali sono i principali dispositivi antincendio

Share This

Saper riconoscere i vari dispositivi antincendio è essenziale per utilizzarli a dovere, in ogni tipo di situazione. Vediamo quali sono i principali

Quali sono i principali dispositivi antincendio

La legge disciplina in modo estremamente scrupoloso tutto ciò che riguarda la sicurezza in materia di incendi e regolamenta non solo la definizione stessa di impianto antincendio, ma anche ogni singolo dispositivo o presidio che necessita, sia per le strutture pubbliche che per quelle private e commerciali, dando indicazioni dettagliate se quando, quanto e come serve un tale tipo di sicurezza.

Legiferando ogni singolo dettaglio, va da sé come la legge regoli anche il numero, natura e funzionamento anche dei vari dispositivi usati per prevenire e combattere l’insorgere di incendi. Prima di passare ad elencare ognuno di questi nello specifico, è però opportuno fare una distinzione di concetto decisamente importante.

Antincendio: dispositivi attivi e passivi

Quando si parla di sistemi antincendio è subito opportuno puntualizzare che tutte le protezioni usate a questo scopo si dividono in due specifiche categorie:

• protezioni attive
• protezioni passive

Quelle attive sono quelle usate per spegnere un’incendio ormai già sorto o a prevenirne l’avvio, mentre quelle passive sono quelle atte a contenere o isolare il dato incendio in una specifica zona e per un determinato periodo di tempo.

Dispositivi antincendio attivi

A regolamentare non solo la differenza appena esposta, ma anche nello specifico i dispositivi antincendio attivi è proprio un decreto ministeriale, il D.M. 20 dicembre 2012 il quale afferma che, in tale categoria, vi rientrano i seguenti impianti:

• di controllo del fumo e del calore
• di estinzione e controllo dell’incendio (sia manuali che automatici)
• di rilevazione e di allarme.

Nella prima categoria rientrano i vari filtri e sensori di fumo e calore, che si attivano una volta percepita una temperatura troppo alta o una percentuale di fumo nell’aria elevata. Nella seconda, invece, troviamo i famosissimi estintori e gli idranti.

Entrambi sono dispositivi manuali, solo che i primi sono utili solo al principio di incendio e sono caratterizzati da un agente estinguente (come polvere, anidride carbonica, acqua, schiuma ecc.) che viene rivolto verso le fiamme per mezzo di una pressione interna; mentre i secondi, che possono essere a muro o a colonna, sono collegati ad un impianto di alimentazione idrica e funzionano per mezzo di una valvola (manuale, appunto).

Infine, come ultima categoria, abbiamo gli impianti di rilevazione e allarme, solitamente automatici, che, una volta localizzato il principio di incendio, si occupano di avvertire le persone presenti nell’area e invitarle ad evacuare.

Dispositivi antincendio passivi

Tra i dispositivi di protezione antincendio passivi troviamo, invece, le cosiddette porte tagliafuoco e le serrande ignifughe. Entrambe le tipologie di prodotto vengono progettate per avere un’elevata resistenza al calore e al fuoco e vengo, quindi, come anticipato usati per impedire il diffondersi di un incendio in tutti i comparti di un determinato locale (ad esempio grandi magazzini, navi, edifici pubblici ecc.).

Le classi di resistenza al fuoco sono varie, le si possono trovare riportate sulla porta o serranda di riferimento e rappresentano la durata di resistenza, ovvero il tempo (espresso in minuti) in cui la tenuta dell’incendio è assicurata.

Infine, è importante segnalare che per questa specifica tipologia di dispositivi antincendio, a differenza di quelli attivi regolamentati per legge, non esiste una vera e propria disciplina normativa per quanto riguarda termini e modalità dei controlli. Questo significa che ogni porta o serranda avrà tempi e periodicità di controllo diverse di caso in caso e che sarà fornita all’interno del bugiardino di utilizzo che il fornitore deve fornire insieme all’acquisto.

Contattaci subito se hai bisogno di una nostra Consulenza, i nostri tecnici esperti saranno pronti a darti il supporto che necessiti in un appuntamento conoscitivo.

CLICCA QUI

Per la sicurezza della tua famiglia o della tua attività...

Contattaci !

Per richiedere un preventivo gratuito o maggiori informazioni su un prodotto/servizio di tuo interesse

CONTATTACI CONTATTACI SU WHATSAPP

Richiedi informazioni

    MAGAZINE SAET UMBRIA

    Proteggersi con un Antifurto a Fumo: Come Funziona?
    • 29 March 2024

    L'Antifurto a Fumo è progettato per proteggere gli spazi dalle intrusioni. Scopri di più...

    Garantire la Sicurezza Antincendio per i Più Piccoli: Consigli per Genitori e Educatori
    • 14 March 2024

    La sicurezza antincendio è una preoccupazione fondamentale in ogni ambiente, ma diventa ancora più cruciale quando si tratta di proteggere i bambini. Scopri di più!

    Allarme antifurto o inferriate, le principali differenze
    • 28 February 2024

    Quando si parla di sicurezza per la casa sono molte le opzioni che abbiamo a disposizione, una delle domande più gettonate dai neofiti, ad esempio, è se siano più sicure le inferriate o il classico allarme antifurto?

    logo saet umbria perugia antifurto videocontrollo
    CONTATTACI
    Follow Us
    7 SECURITY GROUP SRL
    Indirizzo

    Via Pietro Soriano 32
    06132 Perugia

    Telefono

    +39 075 824 4723

    C.F./P.IVA

    03764020545

    REA

    PG N°312140